Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Natale #8: Dostoevskij, L’albero di Natale e il matrimonio

Ho visto un matrimonio pochi giorni fa…ma no! È meglio che vi racconti di un’altra festa. Era un bel matrimonio, mi piacque molto, ma l’altro avvenimento ancora di più. Guardavo il matrimonio e, non so come, mi ricordai dell’abete. Ecco cosa accadde. Alla vigilia di Capodanno, esattamente quasi cinque anni fa…

In classico stile dostoevskijano, anche una brevissima storia che si consuma nel periodo di Natale, assume i tratti della grande descrizione, dell’affresco. Abbiamo un estraneo, un osservatore sostanzialmente esterno rispetto alla vicenda, silenzioso ed emarginato, che si trova calato non si sa come – né perché – in una situazione apparentemente normale che presto svelerà tutto il suo carico di assurdità (da Dostoevskij spesso traslata in immoralità, vizio, ipocrisia). Poi, improvviso, un salto mortale (in questo caso di natura temporale) ed una altrettanto improvvisa ricomposizione del tutto che svela intenti prima solo accennati e dà senso a frasi smozzicate la cui vera natura emerge solo al temine della storia stessa.

images

In questo caso, con L’albero di Natale e il matrimonio, la vicenda prende le mosse da un matrimonio che si sta celebrando nel presente e che però rimanda fin da subito il narratore (di cui non sappiamo nulla) ad un ricordo che risale a cinque anni prima, ad una grande e lussuosa casa dove una ricca famiglia aveva dato una festa in onore dei bambini e per dar loro i regali di Natale. La festa, in realtà, serviva ai genitori come scusa per poter permettere loro di ritrovarsi e poter parlare e tirare su intrighi ed alleanze d’ogni genere. Una moltitudine di marmocchi giocava e correva intorno all’albero addobbato; tutti tranne una bella e ricchissima bambina che, dopo aver subito un torto da uno dei suoi compagni di giochi, aveva deciso di isolarsi in un salottino vuoto, dove muta e malinconica (da subito prefigurando un destino ostile) giocava con una bambola: “una bambina di circa undici anni, adorabile come un amorino, molto quieta, meditabonda, pallida, con grandi occhi pensosi…aveva già trecentomila rubli di dote“. L’ospite di riguardo è un certo Julian Mastakovič, un ricco ed intrigante personaggio adulato fino all’indecenza da tutti gli invitati, compresi i padroni di casa, “una autentica personalità“. I doni vengono distribuiti ai bambini con grande sapienza ed accortezza. I più costosi vanno a quelli più ricchi, i meno belli consegnati via via ai bambini appartenenti a famiglie meno facoltose. Fino a qui tutto potrebbe sembrare sopportabile, ma presto emerge un ulteriore elemento di disturbo, il figlio della governante dei bambini, parte della ciurma, cui tocca in sorte un brutto libro tutto scritte, senza figure, né illustrazioni. Il povero bambino, la cui estraneità e diversità rispetto agli altri è evidente, cerca in tutti i modi di poter stare con gli altri bambini, di poter giocare con loro e godere un poco della loro buona sorte. Eppure, questi bambini, abbandonata ogni innocenza, sembrano aver ben interiorizzato il loro status e i diritti che a questo credono connessi – compresa una certa idea di superiorità. Per conseguenza, per quanto il disgraziato ragazzino faccia per ingraziarseli, alla fine viene da questi prima sonoramente picchiato e poi scacciato via.

images-1

Così come sempre avviene in Dostoevskij, lì dove si annida la possibilità del senso, vi è un testimone pronto a coglierlo. Lo sconosciuto che narra la storia, stanco ed un po’ annoiato, s’era rifugiato nello stesso salottino dove si era rintanata la bella bambina che con sé portava la grande dote cui si è fatto cenno. E così la bambina ricchissima e il bambino povero andato lì a rifugiarsi per non subire, in aggiunta, le conseguenze dell’ira della madre, sono seduti insieme a giocare con una bambola. Julian Mastakovič, l’ospite di riguardo, entra nel salottino sputando numeri apparentemente senza senso: “Trecento…trecento…” mormorava, Undici…dodici…tredici…“, è tutto in orgasmo, in uno stato di vera e propria eccitazione, quasi di confusione. Poi, nel vedere la bambina le si avvicina: “mi amerai?” le chiede, ma la bambina, intimorita, si aggrappa, in cerca di aiuto e conforto, al nuovo amico, il povero figlio della governante…con furia Julian Mastakovič si scaglia contro il piccolo disgraziato per scacciarlo via e, a questo punto, l’osservatore e voce narrante si mostra, interrompendo la scena, quasi scattando un’istantanea su quanto spaventosi possano essere gli adulti agli occhi dei bambini e su quanto difficile sia, per l’adulto, riuscire a cogliere la realtà con quello stesso sguardo infantile. Lo sconosciuto esplode poi in una terribile risata, facendo schiantare la scena e il suo ricordo, per tornare al presente e al matrimonio cui sta assistendo.

Prima di passare alla scena una questione, giusto per farne cenno. Che fine ha fatto quel povero bambino di cui non si dice altro? Non ci viene detto nulla, quasi che non sia degna di nota la storia dell’uomo comune, anche se, forse, non ci viene narrata perché a lui (pur così svantaggiato) è forse toccata in sorte una vita migliore, forse più autentica. Mentre il narratore ci invita a tornare alla vita di quella bambina parte dell’aristocrazia, ricoperta d’oro, ma che allo stesso tempo, come un oggetto, era stata messa come un pacco sotto l’albero di Natale, trattata come materia di scambio dai genitori e, per conseguenza, come un oggetto considerata, presa e posseduta da Mastakovič, che è grasso della grassezza di chi ha troppo, così come agitato ed affaticato come tutti quelli che non sanno star fermi e la cui vita coincide con l’intrigo, il lavorio tutto teso ad accaparrare cose, riducendo gli uomini a delle cose, non avendo lui il tempo (e la capacità) di fermarsi per guardarli negli occhi: “…era un piccolo omiciattolo, rotondetto, pienotto, panciuto, tutto agghindato. Correva, si affaccendava, dava ordini“. Non sapremmo nulla di vero della giovane sposa, la cui dote si è moltiplicata negli anni, se non ci fosse lo sconosciuto convitato. Sapremmo solo del cocchio e delle ricche vesti, dello sfarzo del suo matrimonio. Solo grazie al testimone silenzioso ed invisibile, solo grazie allo scrittore/narratore, solo grazie a lui, che vive di un tempo diverso ed alternativo, possiamo guardarla negli occhi e farci attraversare dal negativo del Natale in cui si è consumato il destino di questa splendida creatura…

…e vidi una bellezza meravigliosa sul primo fiorire della primavera. Ma la bellezza era pallida e triste. Guardava distrattamente, mi sembrò perfino che i suoi occhi fossero rossi di lacrime recenti…

Annunci

10 commenti su “Natale #8: Dostoevskij, L’albero di Natale e il matrimonio

  1. dragoval
    dicembre 20, 2016

    Dostoevskij.
    Immenso.
    Sempre.
    Grazie per il dono di questo magnifico, terribile racconto.

    • tommasoaramaico
      dicembre 20, 2016

      Scriverne è sempre un azzardo. Su di un racconto di poche pagine mi sento meno a disagio.

  2. Alessandra
    dicembre 20, 2016

    Purtroppo quella delle spose bambine e dei matrimoni forzati è una piaga ancora oggi diffusa in molti paesi del mondo. Con Africa e India in testa. Fenomeno contro cui si batte da anni l’Unicef, ma che appare difficile da debellare. Dostoevskij, a differenza dei suoi coevi e connazionali, aveva probabilmente una marcia in più (a livello di coscienza) per riuscire a parlarne. Mi unisco al ringraziamento di Valeria e ti abbraccio forte con l’augurio di un Sereno Natale.

    • tommasoaramaico
      dicembre 20, 2016

      Vero. Il problema è enorme e di una disarmante attualità. Grazie. Ricambio sinceramente. Buon Natale.

  3. marcello comitini
    dicembre 21, 2016

    Bellissima recensione con cui sei andato molto al di là dell’evidenziare il fenomeno delle spose bambine perché hai saputo porlo con il giusto equilibrio nel più grande problema dello sfruttamento dei deboli.

    • tommasoaramaico
      dicembre 21, 2016

      Beh, grazie. Ribadisco: l’opera di Dostoevskij è così “potente” da indurre chi ne scrive ad allinearsi (anche se a livelli infinitamente più bassi) allo sguardo dell’autore…

  4. Guido Sperandio
    dicembre 21, 2016

    Il bambino povero umiliato-scacciato e in più sgridato dalla madre, la bambina (contrapposta) condannata invece proprio dalla sua ricchezza.
    E si dovrebbero temere di più i lupi?

  5. Ivana Daccò
    dicembre 27, 2016

    Fa male. Come spesso, quasi sempre, Dostoevskij, Un autore, molto amato, che, da tempo non leggo – temo proprio perché fa male. E oggi, troppo spesso, ci si sente stanchi e sfiduciati di fronte ai tanti aspetti del problema, alle sue mille sfaccettature. Una bella e importante recensione. Di che ringraziarti.

    • tommasoaramaico
      dicembre 28, 2016

      Già. Dostoevskij, con la sua scrittura, obbliga il lettore a misurarsi con il negativo del reale, ma sempre (penso) nella convinzione che solo attraverso il negativo si possa accedere alla pienezza dell’essere. Grazie a te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il dicembre 20, 2016 da con tag , , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

A4

La rivista letteraria che non la racconta giusta – in un foglio solo

Due minuti d'arte

Le biografie dei grandi artisti in 10 punti

L come Libro

di carta.

BOOK'S THIEF

LADRA DI LBRI

Convenzionali

Vediamo un po'...

Storie per un piccolo pianeta

Leggi un estratto, scopri un libro.

Biblioscalo

Dove fermarsi un attimo per parlare di libri

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: