Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

VsTePF: In una taverna dei bassifondi…

VsTePF (Variazioni su Titolo e Prima Frase) nasce da un’idea (che poi è una scusa per giocare): nel titolo e nella prima frase d’un romanzo è presente, in nuce, il romanzo stesso. Se si prescinde dalla conoscenza dell’autore (qui non si tiene conto di chi compra a partire dalla copertina), sono il titolo e le prime frasi di un romanzo a spingerci a comprare un libro, a volerlo leggere. Il titolo e la prima frase (solo a questo in VsTPF ci si limita) stimolano l’immaginazione. Basti pensare all’effetto che sono stati capaci di produrre alcuni fra gli incipit più celebri, da Chiamatemi Ismaele di Melville, passando per Tutte le famiglie felici si somigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo di Tolstoj, fino Gregorio Samsa, svegliatosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo di Kafka. Andare avanti con altre citazioni non serve, ognuno ha le proprie e se le tiene strette. Ci sono esordi che inchiodano il lettore. Cosa c’è nel Titolo? E nella Prima Frase? Niente più che una promessa, ancorché confusa ed indeterminata, un messaggio che solo la lettura stessa del romanzo renderà pienamente intellegibile. Con VsTePF si tenta un esercizio analitico e al tempo stesso fantasioso – o, come direbbe Gadda, ci si lascia andare ad una vera e propria minchioneria. Tirare fuori da poche parole il motivo per cui si va avanti nella lettura d’un libro. Ovviamente queste fantasticherie possono mancare il bersaglio. Ma è proprio questo errore iniziale che rende un libro ancor più interessante: l’ho letto per la ragione sbagliata, ma non ho sbagliato a leggerlo…questa è la sostanza.

In una taverna dei bassifondi londinesi, uno strano scantinato incomprensibilmente sordido, Dirty era ubriaca.

Bataille, L’azzurro del cielo

Dalle altezze scintillanti e cariche di promesse per un felice futuro, dall’azzurro del cielo che promette il titolo, Bataille ci porta nella città di Londra, meglio, nei bassifondi di Londra. Ci spinge dentro e una taverna e poi, come a premere sulla testa per spingere sempre più in basso, ci fa scendere giù in un torbido scantinato: uno scantinato così torbido da dare scandalo tanto è lontano, per sottrazione di bene, luce, purezza e splendore, dall’azzurro del cielo che era stato suggerito. Il luogo è così miserevole ed assurdo da aggredire una donna persino nel suo nome. Dirty di chiama, ed è ubriaca. Perchè Dirty è lì? È stata rapita e poi reclusa in quel luogo buio tanto lontano dall’azzurro del cielo? O è lì per scappare, per rifugiarsi? È vittima del luogo? Di qualcuno? O solo di se stessa? Sta espiando per una colpa commessa? È questo il romanzo della formazione e del riscatto di Dirty che, tipo Dante, dallo stato di perdizione in cui si trova, deve lentamente risalire i diversi gradi dell’essere fino ad uscire dalla spelonca, dallo scantinato, dalla taverna, e poter finalmente ritrovare l’azzurro del cielo? O è forse un romanzo di s-formazione e cioè la storia della cadura di Dirty in modo che questo incipit, in realtà, è la fine della vicenda? La fine o il compimento di un destino che sancisce la definitiva equazione di questa donna col suo nome, trovando in questo scantinato la sua incomprensibile (ed inaccettabile) ratifica? Dirty è sporca moralmente o anche fisicamente? È una prostituta, ha delle inclinazioni sessuali morbose? O forse è il titolo in sé ad essere ironico e questo cielo azzurro lo è solo all’apparenza, perchè in realtà è carico di orrendi presagi? O, ancora, tutto questo sta a significare l’impenturbabilità (azzurritudine) del Tutto (del cielo) di fronte al dolore e alla misera condizione di Dirty? Un cielo vuoto di divinità o un cielo in cui Dio (se c’è) è indifferente alle sorti degli uomini? Questo cielo e il suo azzurro senza zone d’ombra sono forse l’imperturbabilità del Tutto di fronte al tragico destino dell’individuo? Qualcosa di fronte a cui il singolo è ridotto a puro nulla? O questo azzurro del cielo serve a ricordare che (a dispetto del Tutto infinito di fronte a cui nessuno di noi è nulla) non bisogna dimenticare che ogni essere umano, persino Dirty, ha una sua dignità e che per questo motivo non deve essere dimenticata? E che per questo non ci si può permettere di rimanere incantati nella contemplazione di questo azzurro del cielo e che si deve, al contrario, affondare lo sguardo nella melma, lì dove c’è puzza di chiuso, dove l’aria è viziata e tutto sa di muffa ed umidità, lì dove sono condannati a vivere un numero incredibile di uomini e di donne?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il novembre 22, 2014 da con tag , , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

A4

La rivista letteraria che non la racconta giusta – in un foglio solo

Due minuti d'arte

Le biografie dei grandi artisti in 10 punti

L come Libro

di carta.

BOOK'S THIEF

LADRA DI LBRI

Convenzionali

Vediamo un po'...

Storie per un piccolo pianeta

Leggi un estratto, scopri un libro.

Biblioscalo

Dove fermarsi un attimo per parlare di libri

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: