Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Incipit: Dr. Raus

Il difetto del dottor Raus era di non saper scindere gli obblighi della professione dalle convinzioni personali. In lui tutto il carico di freddezza, cinismo e pregiudizi sembrava essersi sedimentato nell’ampio ventre dilatato, nei folti baffi imbiancati dal tempo e nelle grandi mani pelose e piene di macchie. Se al suo studio medico si presentava qualcuno dall’accento straniero o dal colore della pelle, per così dire, particolare o esotico, allora il dottor Raus, più che sincerarsi delle condizioni del paziente, tendeva a fare domande su lavoro, rapporti con la giustizia e cose del genere. Spesso mandava via queste persone dicendo di non avere tempo mentre, se si decideva a visitarle, tastava e strapazzava senza andare troppo per il sottile e certamente senza dare il minimo ascolto alle lamentele e alle suppliche dell’infelice di turno.
Il dottor Raus, quando perdeva la pazienza, si faceva di pietra e fissava il malcapitato con i suoi occhi azzurri, severo. Quando operava – cosa che non avrebbe potuto fare – non sempre usava tutte le accortezze; e nel ricucire prestava molta meno attenzione che se stesse riattaccando un bottone alla stoffa della camicia; spesso non assegnava medicinali adatti o non li prescriveva affatto. Tutto questo era possibile in una cittadina di provincia che contava milleduecentottanta anime, senza contare gli stranieri di passaggio privi di tutto, quasi anche del nome. Non era il dottor Raus a operare a quel modo, era lo spirito del luogo a muovere le sue mani, a modulare i suoi discorsi, ad iniettare di sangue i suoi occhi. Forse qualcuno ci aveva lasciato le penne, ma così andavano le cose. Dura lex sed lex. Non scritta. Nella sua cittadina il dottor Raus era rispettato e stimato. I suoi concittadini, pazienti ben accetti, dicevano di lui che era un medico premuroso e professionale, e dicevano il vero.
Per trenta lunghi anni il dottor Raus aveva esercitato la professione senza dare mai il benché minimo segno di cedimento, almeno fino ad una magnifica mattina di primavera, quando s’era svegliato in preda ad un malessere per cui non sapeva trovare una spiegazione né una definizione plausibile. Dopo un paio di giorni passati a casa s’era deciso a farsi visitare e così s’era messo in mutande e canottiera davanti agli altri due dottori del paese. Entrambi i dottori erano giovani, educati e preparati. Erano quelli che avrebbero preso il suo posto. Tutti e due avevano poggiato una mano sulla sua spalla. E mentre il volto fiero del dottor Raus si sgonfiava e gli occhi spiritati ingrigivano, le sue mani forti e grandi erano scosse da un lieve tremolio, la voce tuonante ridotta ad un sospiro. Era finita, tutto ad un tratto. Il dottor Raus, a settantadue anni, era andato a dormire la sera prima sentendosi forte come un toro per svegliarsi, il mattino dopo, fragile come un mollusco cui è stato sottratto il guscio.
Dopo un mese il dottor Raus si era rassegnato, immobilizzato da dolori e sensazioni contrastanti, da sintomi che sembravano non rimandare a nulla se non ad altri sintomi, tanto che in certi momenti non poteva fare a meno di sospettare di tutta quella storia, quasi fosse un complotto. Un pomeriggio, mentre se ne stava affondato nella sua poltrona, la moglie era rientrata a casa e gli si era piazzata davanti parlandogli di un dottore che esercitava la professione a qualche chilometro di distanza. Il dottor Raus aveva alzato la pesante mano per metterla a tacere ma lei aveva insistito. Di questo dottore si parlava come di un santone, un guaritore, un vero salvatore. Nel sentire quelle parole il dottor Raus aveva riscoperto in sé la voglia di vivere che nell’ultimo mese era stata fiaccata. Solo una cosa la donna aveva omesso, un dettaglio che il vecchio malato era riuscito a scoprire solo dopo una lunga anticamera passata in una stanzetta piena di odori, idiomi e colori. Il dottore era un negro…

Nuvole

Annunci

6 commenti su “Incipit: Dr. Raus

  1. Alessandra
    giugno 21, 2014

    Tommaso, hai un modo di scrivere limpido, scorrevole e nello stesso tempo suggestivo, che incuriosisce e spinge ad andare avanti. Bravo… che altro dirti? Continua così 😉

    • tommasoaramaico
      giugno 21, 2014

      Caspita quanti complimenti. Non sei mia madre, vero?
      p.s. Grazie.

      • Alessandra
        giugno 21, 2014

        Oddio, di figli credevo di averne solo uno, almeno fino a questo momento 😀 Beh, se mi conosci un po’, lo sai che di complimenti non ne faccio molti in giro… e anche questi sono sempre molto attenti e selezionati.

      • tommasoaramaico
        giugno 21, 2014

        Lo so benissimo. Per questo motivo nel primo post su Infinita Perturbazione mi auguravo di non deludere le tue aspettative…

      • Alessandra
        giugno 21, 2014

        Quindi è chiaro che non c’è nulla di materno nei miei complimenti… 😉

      • tommasoaramaico
        giugno 21, 2014

        Ovvio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 20, 2014 da con tag , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

A4

La rivista letteraria che non la racconta giusta – in un foglio solo

Due minuti d'arte

Le biografie dei grandi artisti in 10 punti

L come Libro

di carta.

BOOK'S THIEF

LADRA DI LBRI

Convenzionali

Vediamo un po'...

Storie per un piccolo pianeta

Leggi un estratto, scopri un libro.

Biblioscalo

Dove fermarsi un attimo per parlare di libri

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: