Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Kurt Vonnegut Mattatoio n. 5

Mattatoio n. 5 è un romanzo sulla guerra e sulla violenza, dunque sulla morte e inevitabilmente sul tempo. Billy Pilgrim, che di mestiere fa l’ottico, che come un pellegrino viaggia nello spazio, ma anche nel tempo, tenta di spiegarci che è proprio la concezione del tempo – e con questa le idee sulla vita e sulla morte – che deve essere riformata. I viaggi nello spazio lo portano sul pianeta Tralfamadore e lì riesce a comprendere che tutti i momenti sono già pre-visti e che il tempo  deve essere superato e compreso in una visione sub specie aeternitas – per cui il tempo E’, l’essere E’. In una sorta di visione parmenidea delle cose, questi alieni invitano a collocarsi al di fuori del tempo e del divenire. Invitano ad emanciparsi da ogni ricorso alle nozioni di senso, giustificazione, libero arbitrio. Anzi, la ricerca stessa del senso non avrebbe senso, poiché l’essere coincide con sé, così come vi è coincidenza fra realtà e razionalità. Tutto viene risolto in pura tautologia. E anzi, la letteratura, forse, viene ad essere questo stesso tentativo – lo sforzo di racchiudere tutto nell’E’, nel presente dell’Opera, nel circolo chiuso: “E’ accaduto tutto, più o meno”. La vita, la morte, lo spaventoso bombardamento di Dresda, cui Billy Pilgrim assiste da prigioniero di guerra, tutto questo deve essere compreso e ricompreso entro un’ottica superiore. Vonnegut vede nella concezione lineare del tempo tutta la tragicità della vita dell’uomo moderno, dove il presente viene di fatto svuotato di senso, ridotto a frutto di ciò che viene prima (passato) o a mera preparazione di quello che viene dopo (futuro). È sotto questa ottica, quella umana (verrebbe da dire, quella non-naturale, non classica, di matrice ebraico-cristiana), che la vita viene ridotta a qualcosa che deve cercare il proprio senso in altro, dato che la morte viene pensata come fine assoluta, annichilimento.

Immagine

Frammentato in blocchi autonomi, che sono frammenti che contengono e custodiscono eventi eternizzati, Mattatoio n. 5 è anche il tentativo di riportare al presente, di sottrarre all’annichilimento tutto quello che sembrava definitivamente perduto: “si suppone che tutti siano morti, e non abbiano più niente da dire o da pretendere”. Questo suggerisce l’esperienza comune: “così va la vita”, questa frase conclude molti dei frammenti del romanzo. Ed è sempre di un morto che si parla ed è sempre uno spazio bianco che viene poi lasciato. Pausa per commemorare, spazio bianco per l’accettazione, così come recita una preghiera che Billy Pilgrim teneva affissa alla parete del suo ufficio: “Dio mi conceda la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare quello che posso e la saggezza di comprenderne sempre la differenza”. È una forma di stoicismo, è accettazione della necessità, ma anche una via per superare l’angoscia della morte intesa come meta assoluta ed insuperabile; è l’idea che ciò che è stato in qualche modo sia ancora, e che nulla può passare dall’essere al non-essere: “quando un tralfamadoriano vede un cadavere, l’unica cosa che pensa è che il morto, in quel momento, è in cattive condizioni, ma che la stessa persona sta benissimo in un gran numero di altri momenti”.

Annunci

4 commenti su “Kurt Vonnegut Mattatoio n. 5

  1. ysingrinus
    marzo 15, 2015

    Un gran bel libro!

  2. tommasoaramaico
    marzo 15, 2015

    “Un gran bel libro!”. Forse il migliore commento possibile.

  3. Guido Sperandio
    marzo 15, 2015

    L’ho letto proprio l’anno scorso e la ricordo, fra tutte le letture recenti, come una delle più appaganti. Lessi in quel periodo anche Un Uomo senza Patria e ritrovai una conferma. Ho un debole per gli scrittori americani, specie di una certa epoca.

  4. tommasoaramaico
    marzo 15, 2015

    Ammetto di aver letto solo questo di Vonnegut e di certo NON me ne vanto. Accolgo quello che è, benché implicito, un consiglio di lettura, anche se sul mio e-book da tempo sono in attesa La colazione dei campioni e Ghiaccio-nove.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il aprile 19, 2013 da con tag , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

TELEGRAPH AVENUE - Libri e recensioni

"La letteratura e la poesia riescono a farmi sentire umano" David Foster Wallace

Quattro chiacchiere in compagnia

Quando i pensieri premono troppo nella testa

Fine Della Storia

| Impossibile è una parola che esiste solo nel vocabolario degli stupidi ° Napoleone |

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

A4

La rivista letteraria che non la racconta giusta – in un foglio solo

Due minuti d'arte

Le biografie dei grandi artisti in 10 punti

L come Libro

di carta.

BOOK'S THIEF

LADRA DI LBRI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: